Alleggerire la tastiera

Abbiamo parlato qualche tempo fa dell’utilizzo dell’ebano in liuteria (L’ebano in liuteria). Oggi questa essenza è diventata dominante nella realizzazione delle tastiere, ma sappiamo che l’ebano è un legno molto pesante. La tastiera interamente realizzata in ebano tende a creare una sorta di effetto sordina sullo strumento, smorzandone le vibrazioni. In passato si utilizzavano legni più leggeri, come salice, acero, abete, lastronati con un legno più duro come l’ebano.

IMG_20180201_202416.jpg
Lavorazione a sgorbia del posteriore della tastiera.

Per alleggerire questa pesante tastiera interamente realizzata in ebano, si procede a rimuovere del legno dalla parte posteriore, per intendersi in quella zona che rimarrà oltre il prolungamento del manico, non coinvolta nell’incollaggio con il manico stesso. Di solito le tastiere grezze semilavorate che si trovano in commercio hanno già un alleggerimento in questa zona, ma chiaramente tale zona deve essere estesa ed ulteriormente ridotto lo spessore. Lo spessore finale della tastiera in quest’area può andare da 3.5mm a 4.5mm, ma non dovrà riguardare i bordi della tastiera che per garantire la giusta rigidità alla pressione delle dita del musicista dovranno rimanere alla loro classica altezza, intorno ai 5 mm.

Altra prassi importante è quella di scavare con la sgorbia un canale centrale per tutta la lunghezza di quella zona della tastiera che viene incollata con il manico. Il canale si estende proprio dall’estremità della tastiera a contatto con il capotasto superiore, fino all’inizio della gola di alleggerimento. Non bisogna dimenticare, infatti, che la tastiera è una parte dello strumento che può e deve essere sostituita anche diverse volte nella vita dello strumento, a causa del fatto che inevitabilmente si consuma nel tempo suonando lo strumento. Può affossarsi, rovinarsi, perdere la rettifica originaria… in questi casi deve essere scollata e quindi sostituita con una nuova. È molto importante quindi utilizzare la classica colla animale in quanto perfettamente reversibile. L’accorgimento di realizzare il canale, inoltre, fa sì che sia più facile rimuovere la tastiera quando necessario. Basterà inserire dell’acqua tiepida in questo canale, con attenzione, e la colla si ammorbidirà, favorendo il distacco della tastiera dal manico con l’aiuto di una spatolina.

IMG_20180129_212447.jpg
Altra immagine della parte posteriore della tastiera in lavorazione.

Alcuni liutai pesano la tastiera per avere un’idea di quanto alleggerirla. Ovviamente però il peso dipende da quanto alti si fanno i bordi laterali della tastiera e dalla curvatura superiore. Ho visto che normalmente una tastiera lavorata, prima dell’alleggerimento pesa intorno ai 70-75g. Dopo la riduzione dello spessore e lo scavo del canale si arriva dai 50 ai 60 g, forse più verso i 60 g.

IMG_20180129_204717.jpg
Alleggerimento della tastiera ultimato e superficie rifinita.

Altra fase non facilissima è l’incollaggio definitivo della tastiera al manico. Se si sono utilizzati dei chiodini di piazzamento sarà più facile rimettere la tastiera esattamente al suo posto originario, quello che aveva durante la lavorazione del manico. Se però non si utilizzano chiodini di piazzamento la tastiera tenderà a slittare sul manico una volta messa la colla e ci vorrà molta pazienza per centrarla esattamente al suo posto durante il serraggio dei morsetti. Ma questo lavoro è fatto di pazienza e perseveranza! 😊 Alla prossima!

2 risposte a “Alleggerire la tastiera”

I commenti sono chiusi