Il laboratorio di Liuteria

Ora, Lege, Lege, Lege, Relege, Labora et Invenies, da Mutus Liber, tavola XIV

Il laboratorio di liuteria è uno dei posti più accoglienti, piena di vita, di fascino e di profumi antichi ed inebrianti che possano esistere. Questo vale un po’ per tutte le botteghe di artigiani che lavorano ancora prevalentemente con le proprie mani e con il proprio ingegno. Ma sarà per quel profumo di resine antiche, di essenze, di vernici ad alcool o ad olio, per gli alambicchi e vecchi strumenti, per quell’essenza unica dell’abete appena lavorato, che il laboratorio di liuteria suscita sempre sensazioni positive in chi vi si trova. Fa bene anche un po’ di sana confusione per stimolare la creatività, come in antico laboratorio alchemico. Quando lavoro o semplicemente passo del tempo a leggere o pensare nel mio laboratorio, io sono in pace con il mondo, perché sono in pace con me stesso.

Il profumo di antico mi ha sempre suscitato sensazioni piacevoli, mentre gli ambienti moderni sono asettici, non stimolano la mia fantasia e la mia creatività. Non so se è per tutti così. Forse è la mia indole romantica. Ricordo ad esempio di quando studiavo chimica al primo anno di Università. Eravamo in un’aula storica di fine ‘800 completamente in legno che suscitava un enorme fascino, rendendo anche più piacevoli le lezioni. Dal secondo anno la sede di chimica fu trasferita in un nuovissimo polo scientifico, sicuramente con maggiori comodità, ma tutto bianco, in plastica e alluminio, banchi in laminato grigio, privo di vita, di calore, uniformante, noioso. Sembra quasi che lo scopo della modernità sia omologare, appiattire, uccidere la creatività, rendendo tutto freddo, distaccato, spento. Ho ancora ricordi più vividi del primo anno nell’aula storica, che dei successivi 6 anni nel nuovo polo moderno.

Il laboratorio di liuteria mi permette un tuffo nel passato, con meno comodità, ma in cui la mia mente è in pace con le mie mani, condizioni ideali per un vero lavoro artigianale!

laboratorio1
…e per finire… il mio piccolo mondo antico! 🙂